Vai direttamente ai contenuti
Per te in regalo fantastici prodotti con €60 di spesa
Accedi
Oppure  Crea account
Hai dimenticato la password?
Registrati
Oppure  Accedi
Questo campo è obbligatorio
Ripristina la tua password
Riceverai un'email per ripristinare la tua password
Allattamento e alimentazione neonati
|
7 dicembre 2022

Perché usare il cuscino allattamento? Tutti i suoi benefici

Come si usa il cuscino allattamento? Perché è importante usarlo? In che posizioni si può usare? Ne parliamo con Valentina De Pietro, Ostetrica specializzata in consulenza per l’allattamento, che ti darà alcuni consigli pratici per iniziare il tuo percorso di allattamento! 

Cuscino allattamento, perché usarlo 

Il momento della poppata è un’intima condivisione tra mamma e bebè, e come tale necessita di tranquillità e comodità per entrambi. 

Il cuscino allattamento rappresenta proprio un supporto per il maggiore comfort di entrambi, aiutando la posizione corretta.

Riduce le tensioni di collo, spalle e schiena, e può essere utilizzato già dalle prime ore dopo il parto per far sì che ci sia un contatto diretto skin to skin in totale relax e con meno tensioni per la mamma, a cui serviranno diversi giorni per riprendersi dal parto.

Il bimbo deve essere posizionato pancia a pancia con la mamma, con orecchio, spalla e fianco allineati tra loro e il centro della bocca in direzione del capezzolo.

Con il cuscino allattamento è possibile utilizzare diverse posizioni, vedremo più avanti quali. Variare le posizioni è di grande importanza e aiuto: aiuta a produrre più latte materno, previene gli ingorghi e aiuta il bebè a rimanere più attivo durante la poppata.  

I benefici del cuscino allattamento 

I vantaggi di usare un cuscino da allattamento sono tanti, più di quanti si potrebbe pensare. Vediamo insieme i più importanti. 

1) Aiuta la mamma a mantenere la giusta postura 

Grazie alla sua forma anatomica, consente di mantenere una postura corretta durante l’allattamento, riducendo dolori muscoli ed evitando l’assunzione di posture errate

Allevia la tensione muscolare di braccia, spalle e collo e la pressione addominale, fattore particolarmente rilevante in caso di parto cesareo. 

2) Previene il rischio di Plagiocefalia 

Durante la poppata il cuscino previene la sindrome della Testa Piatta (Plagiocefalia Posizionale) evitando che il cranio resti troppo tempo contro il braccio della mamma, che per la sua testolina ancora malleabile risulta troppo rigido. 

3) Mantiene il bambino nella giusta posizione  

Per il neonato la poppata deve essere un momento piacevole e rilassante, poter aver il giusto contatto con il seno della mamma e sentirsi comodo e a suo agio lo renderà ancora più gradevole, favorendo un’adeguata digestione.  

4) È un valido aiuto anche per chi non allatta al seno  

I cuscini da allattamento danno un grande contributo anche ai bimbi nutriti con il biberon. Posizionando il neonato verso la madre e con la testa poggiata sul bordo più alto, sarà più semplice prevenire il rigurgito post-pappa. 

Inoltre, permettono a mamma e papà di assumere una posizione corretta che allevia il peso su spalle, braccia e schiena e riduce i dolori muscolari conseguenti. 

Le altre funzioni del cuscino allattamento 

Il cuscino può essere utilizzato non solo per il momento della poppata, ma si rivela un ottimo aiuto in altri importanti momenti della vita e della crescita del bambino. Vediamo insieme quali! 

Relax post pappa e non solo 

Dopo la poppata Koala Hug Baby diventa un luogo confortevole in cui il bambino può rilassarsi con la testa leggermente sollevata per aiutare la digestione ed evitare il rigurgito.  

I neonati adorano rilassarsi ed essere massaggiati lungo la schiena a pancia in giù tra le braccia di mamma e papà. Usa il cuscino allattamento per sostenere il peso del piccolo, così non percepirà la tensione e la stanchezza delle tue braccia. 

Tummy time 

Il Tummy Time è la prima e più importante ginnastica da proporre al bebè.  

Di cosa si tratta?  

È un momento ludico, divertente e di grande crescita per i piccoli. Li aiuta a rafforzare i muscoli del collo, della schiena e delle spalle. 

Tummy time significa tempo sulla pancia, ovvero il tempo trascorso prono quando è sveglio e supervisionato dal genitore. In questa posizione imparano a sostenere in modo graduale la testa, il collo e la schiena sviluppando tono e coordinazione motoria. 

I piccoli devono dormire a pancia in su, l’unico momento per la posizione a pancia in giù è per i momenti ludici e sempre sorvegliati dagli adulti. 

Si può iniziare questa attività per brevi tempi già dai primi giorni, posizionando il bebè a pancia in giù su di un supporto rigido come il cuscino per l’allattamento. Con il passare delle prime settimane di vita, questa attività potrà essere svolta anche 2/3 volte al giorno.

Imparare a stare seduti 

Il neonato inizia a imparare a stare seduto intorno ai 5 mesi, intorno ai 7 mesi ci riuscirà in modo indipendente.

Il cuscino allattamento può essere utilizzato come supporto affinché il bimbo impari a mantenere la schiena eretta e la testa alta. 

Invitare il piccolo a stare seduto appoggiato su un supporto come Koala Hug Baby lo aiuterà a fidarsi presto del proprio corpo e ad acquisire equilibrio in totale autonomia finché non saprà stare seduto senza supporti. 

Questo traguardo di solito avviene entro gli 8 mesi. Poter stare seduti autonomamente rappresenta un grande momento di crescita: significa prime pappe, accenni di gattonamento e un mondo tutto da scoprire. 

Posizioni allattamento con cuscino 

Iniziamo dal principio: come posizioniamo il cuscino? 

Il cuscino va posizionato sotto al seno della mamma e intorno alla sua schiena.  Il peso del piccolo farà abbassare la posizione del supporto, quindi la posizione del cuscino dovrà essere regolata in base alla fisicità della mamma e al peso del bambino. La giusta posizione del cuscino è importante per rendere utile il supporto e non far carico su spalle e schiena della mamma.   

Quali sono le posizioni che si possono utilizzare con il cuscino?  

A Culla  

Il bimbo è sdraiato in orizzontale sul cuscino da allattamento, e si trova quindi all’altezza del seno della mamma in modo che entrambi siano rivolti verso la pancia dell’altro.  

Culla laterale  

Si tratta della posizione a culla con una variante: il braccio che sorregge il bambino è quello opposto rispetto al seno a cui viene attaccato.   

Rugby 

Il bambino viene adagiato sopra il cuscino e posizionato su un fianco. Il suo corpo è in orizzontale ma la sua pancia è a contatto con il fianco della mamma, mentre i piedini sono in direzione della schiena.  

Posizione a Koala 

Il bambino viene posizionato a cavalcioni sul cuscino, con schiena e testa in verticale. Questa posizione è più facile con bambini più grandi che stanno già seduti da soli.  

Per altri consigli di Valentina per sereno percorso di allattamento al seno, non perdere i prossimi articoli! Ci parlerà di come attaccare correttamente il bimbo al seno, come riconoscere i segnali di fame e tanto altro. 



Dr.ssa Valentina De Pietro, Ostetrica e Consulente Allattamento 

Professionista specializzata, segue da angolature diverse il percorso della mamma dalla gravidanza al posto parto, con consulenze e corsi pre parto, su allattamento e svezzamento.

La tua prossima lettura