Vai direttamente ai contenuti

Spedizione gratuita per ordini superiori a €25

Accedi
Oppure  Crea account
Hai dimenticato la password?
Registrati
Oppure  Accedi
Questo campo è obbligatorio
Ripristina la tua password
Riceverai un'email per ripristinare la tua password
Allaccia la cintura!

Da oggi c’è Koala Driving Belt, la cintura di sicurezza gravidanza per i tuoi viaggi in auto! 

Consigli per futuri genitori
|
2 agosto 2022

Ragadi al seno: che cosa sono e come evitarle

Le ragadi sono uno dei nemici più insidiosi dell’allattamento al seno. Ecco perché è bene conoscerle prima che insorgano in modo da essere pronte ad affrontarle! Alla fine dell’articolo saprai non solo come curarle ma soprattutto come evitarne la comparsa. Continua a leggere. 

Che cosa sono le ragadi al seno 

È inutile nascondere la verità: i primi giorni di allattamento non sono semplici, soprattutto con il primo bambino. Sia tu che il piccolo dovete capire come fare e imparare a conoscervi.  

Può essere doloroso e possono comparire le tanto temute ragadi ai capezzoli.  

Ne soffre quasi una mamma su due, e capita spesso che questo causi l’interruzione dell’allattamento al seno. 

Ma che cosa sono le ragadi al seno? Si tratta di piccole lesioni che si formano sul capezzolo. Possono essere leggere screpolature o veri e propri tagli associati a leggero sanguinamento. 

È importante conoscere il problema per non scoraggiarsi se compare e afferrarlo per le corna. Con i giusti rimedi riuscirai a curare le ragadi, e ancora meglio a prevenirne la comparsa. 

Iniziamo subito dalle cause: la principale è un non corretto attacco al seno del neonato

Il bambino deve essere posizionato in modo da non dovere allungare il collo, e deve attaccarsi, a mo’ di ventosa, non solo al capezzolo ma all’intera areola. Se hai dubbi su come posizionare correttamente il neonato, chiedi consiglio alla tua ostetrica. 

Alcune mamme sono più predisposte rispetto ad altre perché hanno i capezzoli particolarmente sensibili.  

Che cosa fare per evitare le ragadi al seno 

In questi paragrafi ti spiegheremo non solo come curare le ragadi al seno, ma soprattutto quali sono le piccole accortezze utili per evitare la loro comparsa.  

Chiedi aiuto a un’ostetrica 

La principale causa delle ragadi ai capezzoli è un attacco al seno scorretto del neonato nei primi giorni. Ecco perché l’aiuto di una professionista è fondamentale per capire come aiutare il piccolo ad attaccarsi nel modo giusto. 

Non sempre in ospedale viene fornita la giusta assistenza, considera quindi l’idea di rivolgerti a un’ostetrica libera professionista. Ti offrirà una consulenza accurata per capire quali sono le difficoltà e come risolverle. 

Il suo aiuto in una fase così delicata è tutto il contrario di superfluo, perché può migliorare esponenzialmente l’esperienza dell’allattamento, intervenendo subito su abitudini sbagliate. 

I paracapezzoli in argento Koala Silver Cups  

Le coppette paracapezzoli Koala Silver Cups sono le migliori alleate nella prevenzione e nella cura delle ragadi al seno, ecco perché fanno parte della lista di oggetti indispensabili per neomamma

Si tratta di coppette in puro argento dalle straordinarie proprietà cicatrizzanti, disinfettanti e antibatteriche.  

Invisibili sotto i vestiti, sono comodissime da indossare grazie alla loro forma anatomica. Basta infilarle tra il capezzolo e il reggiseno e ti dimenticherai presto di averle! 

Puoi indossarle ogni volta che non stai allattando e rimuoverle appena prima della poppata perché sono completamente inodori e insapori (e privi di nichel). 

Perché sono più comode delle creme per le ragadi al seno? 

Innanzitutto, sono un rimedio naturale (ed efficace).  

Non causano secchezza o irritazione della pelle del seno, non lasciano il capezzolo umido e soprattutto non hai bisogno di lavare il seno prima di ogni poppata, perché non rilasciano sostanze nocive per il bimbo né un cattivo sapore che gli renderebbe il latte meno gradito. Ti basterà semplicemente sfilarle quando sarà il momento di allattare. 

Qual è la differenza tra le coppette in argento e i paracapezzoli per allattare? 

I paracapezzoli per allattamento sono dei dispositivi, di solito in silicone, che si infilano sopra il capezzolo durante la poppata. Vanno utilizzati in particolari circostanze sotto consiglio medico e sempre per brevi periodi. Il rischio è quello che il bimbo si abitui alla loro presenza e sia difficile tornare al seno. 

Inoltre, non sono particolarmente indicati a guarire le ragadi al seno, perché non hanno un’azione curativa come Koala Silver Cups.

L’Olio Biologico alla Vitamina E, un vero toccasana 

L’Olio Bio alla Vitamina E è un vero toccasana su ogni irritazione, scottatura o eritema della pelle. Ecco perché accelera la guarigione delle ragadi al seno e dà sollievo ai capezzoli sensibili e doloranti. Il nostro consiglio è di utilizzarlo insieme a Koala Silver Cups come forma di prevenzione. 

La sua preziosa ricetta è composta da ingredienti naturali dalle proprietà lenitive e calmanti. Non altera il sapore del latte e non è nocivo per il piccolo. 

Inoltre, è così delicato sulla pelle che può essere utilizzato anche per trattare la crosta lattea e calmare le irritazioni cutanee dei neonati. 

L’Olio di Mandorle Bio 

Anche l’Olio di Mandorle aiuta a prevenire le ragadi al seno perché rende la pelle più elastica e la protegge dalle irritazioni.  

Probabilmente lo hai già a casa e lo stai usando contro le smagliature da gravidanza. Ora sai che puoi utilizzarlo anche per le ragadi al seno! 

 

 

Prima di salutarci, cara mamma, ti vogliamo dire una cosa importante. L’allattamento è un percorso molto personale, diverso per ogni mamma. I momenti di sconforto, però, capitano proprio a tutte, non ti sentire sbagliata. Vivili e poi riparti, senza scoraggiarti. Perché sei forte, come tutte le mamme! 

 

La tua prossima lettura