Vai direttamente ai contenuti
🎁 Aggiungi i tuoi prodotti preferiti al carrello e ricevi fantastici regali!
Accedi
Oppure  Crea account
Hai dimenticato la password?
Registrati
Oppure  Accedi
Questo campo è obbligatorio
Ripristina la tua password
Riceverai un'email per ripristinare la tua password
Help! My child won’t fall asleep: how to get a good night’s sleep
Crescere un bambino
|
20 luglio 2023

Aiuto, il mio bambino non si addormenta: come garantirgli un buon sonno

La privazione del sonno non solo mette a dura prova il bambino, ma anche l'intera famiglia. Infatti, anche tu soffri di mancanza di sonno quando tuo figlio viene a cercarti in camera da letto ogni due ore. 

Anche tu fai più fatica a concentrarti, sei facilmente irritabile e ti senti di non essere più te stesso. Ma non preoccuparti, ti spiego esattamente come puoi evitare questo scenario. 

 

La ricetta perfetta per un buon sonno non esiste 

Su internet ci sono molte linee guida su quanto tempo, quanto spesso, quanto e come un bambino dovrebbe dormire. In realtà sono piuttosto confuse. 

Come per gli adulti, ognuno ha esigenze di sonno individuali, così come ognuno ha esigenze di fame individuali.  

Come si fa a capire come dorme meglio il proprio bambino? Dipende da vari fattori, come l'età, il grado di attività del bambino (sia le attività mentali che quelle fisiche rendono stanchi) e, naturalmente, il suo bio-ritmo individuale.  

Prima di tutto: 

Osserva. Quando si stanca il tuo bambino? Quanto tempo impiega per addormentarsi? Di cosa ha bisogno per prendere sonno? Quanto tempo dorme il bambino quando può stare a letto fino a tardi? 

Prendi nota. Tieni traccia dei tempi di sonno di tuo figlio per diversi giorni. Durante questo periodo, il bambino dovrebbe essere il più rilassato possibile. Questo ti darà una buona idea del suo naturale bio-ritmo e delle sue esigenze di sonno. 

È anche importante sapere che le esigenze di sonno di una persona possono cambiare a causa di circostanze esterne come malattie, condizioni generali (luce, rumore, temperatura) o fasi di sviluppo. 

 

I tre ingredienti per un buon sonno, con aiuti e consigli pratici 

Ora, dopo la fase di osservazione, hai un quadro completo di come appare il comportamento del tuo bambino in relazione al sonno. E ora, cosa fare? 

In linea di massima, sono tre i fattori che giocano un ruolo importante nell'addormentamento. Vediamoli insieme. 

1. Né poco né troppo stanchi 

Più si è stanchi meglio è? Sbagliato! 

Naturalmente non bisogna mettere a letto il bambino in piena forma e pieno di energie perché sarà per lui particolarmente difficile addormentarsi. 

Ma anche essere troppo stanchi non va bene. Quando si è troppo stanchi, non solo l'umore cambia (ciao, capricci), ma è anche incredibilmente difficile calmarsi. 

Ciò è dovuto al neurotrasmettitore dopamina. Questa viene rilasciata quando si è stanchi ma non ci si sdraia a dormire. In questo modo, il corpo cerca di attivare le sue riserve di attenzione per tenere sveglio il cervello mentre il resto è stanco morto. 

 

Ecco che cosa aiuta: 

- Per quanto riguarda la stanchezza, vale quanto segue: trovare la misura giusta 

- Per mettere a letto il bambino all'ora migliore, è necessario stabilire una routine quotidiana regolare e una routine di sonno fissa (anche nei fine settimana e durante le vacanze). 

- Tieni d'occhio il tuo bambino. Anche i neonati mostrano chiari segni di stanchezza: sbadigli, sfregamento degli occhi, orecchie arrossate, occhi fissi, facile irritabilità, sfregamento delle orecchie... Non appena sarai in grado di interpretare correttamente i segnali del tuo bambino, potrai metterlo a letto nel modo migliore. 

 

2. Sentirsi al sicuro, ovvero il mostro sotto il letto 

Per addormentarsi, il bambino ha bisogno di sentirsi al sicuro. Un immotivato "Non ci sono mostri" non servirà a nulla.  

Anche agli adulti capita di sentire strani rumori, che magari provengono dal frigorifero o dagli scarichi, ma per un bambino è più facile credere che sia il mostro nell’armadio o sotto il letto. 

Sì, mamma e papà si trovano nella stanza accanto, ma per il tuo bambino voi in quel momento non siete lì. È come passare la notte da soli nella natura selvaggia, circondati da occhi lampeggianti e strani rumori.  

 

Ecco che cosa aiuta: 

- Prendi sul serio la paura del bambino e rimani nella stanza con lui il più a lungo possibile. 

- Controlla attentamente l'armadio e il letto per non lasciarti sfuggire nemmeno il più piccolo mostro. I maglioni stesi o le giacche appese sembrano molto mostruosi al buio. 

- Andare a dormire insieme dà al bambino un ulteriore senso di sicurezza. Accoccolatevi nel letto insieme, leggete una storia della buonanotte (non dovrebbe durare più di 30 minuti) o ascoltate insieme una radio o della musica (che aiuta ad addormentarsi). Assicuratevi anche di essere completamente "presenti" e rilassati. Se tu non riesci a dormire, non ci riuscirà nemmeno il tuo bambino. 

- Anche la buona vecchia luce notturna può aiutare il bambino a sentirsi più sicuro. Su Internet ci sono molti modelli e offerte, quindi troverai sicuramente la luce notturna ideale! 

 

3. Andare a dormire rilassati 

Una giornata tipo è piuttosto faticosa: un bambino è sottoposto a tante cose nuove da imparare ed esperienze diverse. 

A volte si va a dormire un po’ sotto stress e in preda a forti emozioni, e questo non aiuta il sonno. Il bambino deve essere rilassato quando va a letto. Cosa fare quindi? Trovate insieme un modo per rilassarvi ogni sera, un modo che faccia parte della vostra routine. Farà bene anche a te!  

 

Ecco che cosa aiuta: 

- Un po’ prima di andare a letto è il momento di iniziare una sorta di processo di rilassamento, eliminando gli stimoli: niente televisione, computer, cellulare o altri dispositivi con luci blu.  

- Niente storie appassionanti, giochi eccitanti, argomenti o discussioni sconvolgenti. 

- Esistono molti esercizi di meditazione per bambini che li aiutano a calmarsi e a rilassarsi. Provateli insieme! 

  

Un ultimo consiglio: soprattutto se il bambino è molto sensibile, dovreste comunque comunicare con lui in modo più empatico. Questo ha un effetto positivo anche sul sonno. Per quanto ci si sforzi, a volte è difficile addormentarsi. Sii paziente, crea un buon ambiente e sostieni il tuo bambino il più possibile. 

Se il bambino non riesce ad addormentarsi o a rimanere addormentato per tutta la notte, non bisogna mai ricorrere a sistemi di ricompensa, rimproveri o addirittura punizioni. Questo provoca solo problemi. 

Con un po' di pratica e di tentativi, troverete sicuramente il modo giusto per voi e ricordate sempre: INSIEME ce la potete fare! 

 

 

Birgit Gattringer (Parent Training) 

Birgit Gattringer è trainer familylab Jesper Juul, mental trainer qualificato per genitori e per bambini e ragazzi. È lei stessa mamma di due ragazzi e trasmette le sue conoscenze sulla piattaforma www.starkekids.com.  

La sua passione è creare un ambiente armonioso per i bambini, in cui possano crescere sicuri di sé e forti per la vita. 

 

Consigliati dalle mamme Koala