Vai direttamente ai contenuti

Spedizione gratuita per ordini superiori a €25

Accedi
Oppure  Crea account
Hai dimenticato la password?
Registrati
Oppure  Accedi
Questo campo è obbligatorio
Ripristina la tua password
Riceverai un'email per ripristinare la tua password
Allaccia la cintura!

Da oggi c’è Koala Driving Belt, la cintura di sicurezza gravidanza per i tuoi viaggi in auto! 

Crescere un bambino
|
26 maggio 2022

Come togliere il pannolino ai bambini?

Togliere il pannolino al tuo bimbo è un momento tanto temuto quanto desiderato insieme. Poter finalmente smettere di cambiare pannolini, ma al tempo stesso il timore di gestire un passaggio così importante e che potrebbe non essere così semplice. Leggi i nostri consigli per affrontarlo al meglio!  

Da dove iniziare? 

Normalmente il pannolino viene tolto tra i due anni e mezzo e i tre anni e mezzo circa. Si tratta di una finestra temporale abbastanza ampia, perché ogni bambino ha i suoi tempi.  

La prima e più importante regola per togliere il pannolino al tuo bambino è quella di farlo solamente quando lui è pronto. Forzarlo prima del tempo non vi servirà a nulla se non a peggiorare le cose. 

Come capire se il bambino è pronto ad affrontare questo importante passaggio? 

Se inizi a trovare il pannolino ancora asciutto quando arriva il momento in cui normalmente lo cambi, significa che ha iniziato a controllare la vescica. Altri segnali sono: è lui a chiedere il cambio pannolino appeno lo sporca, annuncia l’intenzione di fare i suoi bisogni, o lo esplicita appena li ha fatti, inizia a provare curiosità per il vasino.  

Può capitare anche che sia il bambino stesso a dire di voler togliere il pannolino, in questi casi va assecondato con prontezza. Non c’è modo migliore di togliere il pannolino che quando parte dal bimbo stesso! 

Consigli per togliere il pannolino con successo 

Se ti sembra che il tuo bambino possa essere pronto a togliere il pannolino, è il momento di iniziare. Prima di spiegarti come fare, ti diamo qualche consiglio per aiutarti nell’impresa. Ne uscirai vincente! 

Non farti prendere dallo stress

Se tutta la tua attenzione e quella della famiglia intera è puntata come un faro sulla liberazione dalla schiavitù da pannolino, come se fosse un evento di importanza imprescindibile, il risultato non può che essere un fallimento: il piccolo si sentirà così a disagio per le aspettative che gli vengono riversate addosso che gli verrà un vero e proprio rifiuto.  

Quindi, non lasciarti prendere dallo stress. Cerca un approccio soft, senza mostrare di dare troppa importanza alla cosa.  

Mostra, però, di avere fiducia in lui, così anche il bimbo sentirà di potercela fare. Non manifestare alcun dubbio sulla riuscita, perché se il genitore dubita, anche il piccolo dubiterà di sé stesso.  

Non punirlo se non riesce a trattenerla

Rimproverarlo se fa la pipì addosso, ricattarlo o offrirgli premi se la fa nel vasino, non è la strada giusta.  

Armati di pazienza, può succedere che non riesca a trattenersi tutte le volte. Non mortificarlo, anzi mostra di vivere l’episodio con leggerezza. Per lui non è affatto un processo naturale saper controllare la vescica. 

Le battute d’arresto temporanee sono normalissime e si verificheranno diversi incidenti prima che il bimbo diventi completamente indipendente da questo punto di vista. 

Fagli vedere come fare

L’esempio di mamma e papà è sempre un’arma vincente perché i bambini imparano per imitazione.  

Lascia che ti osservi mentre fai la pipì, così capirà in modo naturale che cosa significa andare al bagno. 

Puoi anche spiegargli ogni passaggio, come pulirsi con la carta igienica, tirare su le mutandine, tirare l’acqua dello scarico e lavarsi le mani.  

Come togliere il pannolino in 7 giorni

Una volta che hai colto i segnali che potrebbe essere il momento giusto per togliere il pannolino al tuo bambino, puoi mettere in atto una strategia di questo tipo, che per comodità dividiamo in giornate. 

Giorno 1

Leggete insieme un libro che racconta come usare il vasino, per destare in lui la voglia di cimentarsi nella pipì e nella pupù come fanno i grandi. Ne esistono diversi e molto carini. 

Giorno 2

Portalo in bagno con te e assicurati che stia attento a quello che fai. I bambini imparano per imitazione, soprattutto dei genitori. 

Non farti prendere dal pudore, spiegagli tutti i passaggi fino al lavaggio delle mani. 

Giorno 3

Scegliete insieme un vasino che gli piaccia, è importante che si senta a suo agio e lo trovi un “posto” adatto a lui. Ce ne sono tantissimi e simpatici.   

Giorno 4

Mettilo comodo a sedere sul vasino, senza mutande né pannolino. Spiegagli serenamente che quando avrà bisogno di fare la pipì o la cacca si siederà sul suo vasino.  

Anche se non riuscirà subito a fare la pipì, prenderà confidenza. Se invece oppone resistenza e non vuole stare sul vasino, lascia perdere per qualche giorno e poi riprova. 

Quando sarà disposto a sedersi lì sopra, e si sentirà a suo agio, allora puoi procedere con la fase successiva. 

Giorno 5 

Instaura una routine vasino a seconda delle abitudini del bimbo. Sicuramente lo metterai sul vasino appena sveglio, a metà mattina, prima o dopo pranzo e così via, fino a prima di andare a dormire.  

Lascialo sul vasino per diversi minuti, che si svuoti o meno. Quando riuscirà nell’impresa elogialo, al contrario non fargli pesare se non la fa. 

Giorno 6

Avvisalo che da oggi gli toglierai il pannolino e che d’ora in poi la farà sul vasino. Dovrà avvisarti quando vorrà fare la pipì e la cacca. Continua comunque con la routine a cui hai dato il via il giorno precedente. 

Giorno 7

Insisti con la routine e lodalo quando riesce nell’intento. Imparerà prima di quanto immagini, ma è normalissimo che ci siano delle ricadute.  

Come togliere il pannolino di notte

Alcuni genitori preferiscono un passaggio deciso e definitivo da pannolino si a pannolino no. Altri invece continuano a metterlo al bimbo durante le ore notturne, che sono le più delicate. 

Infatti, potrebbero volerci mesi o anche anni prima che il bimbo riesca a trattenere definitivamente lo stimolo mentre dorme. A volte si verificano episodi isolati di pipì a letto fino alla scuola elementare. 

Prima di togliere il pannolino di notte, puoi provare con una strada intermedia: lasciagli il pannolino ma incoraggialo a usare il vasino se gli scappa. Digli che puoi chiamare mamma o papà e che lo aiuterete. 

Ad ogni modo preparati a lavare diversi pigiamini e lenzuola. Proteggi il materasso con un telo impermeabile così non farai danni irreversibili.  

E, fattore niente affatto trascurabile, ci metterai meno a togliere le lenzuola bagnate e rifare il letto in mezzo alla notte, in modo che il tuo bambino possa dormire sull’asciutto. 

Come togliere il pannolino ai maschietti

Perché i maschietti dovrebbero imparare a fare la pipì e la popò nel vasino in modo diverso dalle bambine? 

L’unica differenza è che possono farla anche in piedi. Per imparare dovrà osservare come la fa il papà. Anche se, almeno inizialmente, potrebbe essere più pratico che la faccia da seduto sul vasino. 

 

Una volta che hai deciso di togliere il pannolino al tuo bambino e avete fatto progressi in questo senso, non tornare più indietro. Nemmeno se la situazione te lo richiede per comodità, per esempio in vacanza o in una gita fuori porta. Gli confonderesti le idee e renderesti più lungo il processo. 

La tua prossima lettura