Vai direttamente ai contenuti
Per te in regalo fantastici prodotti con €60 di spesa
Accedi
Oppure  Crea account
Hai dimenticato la password?
Registrati
Oppure  Accedi
Questo campo è obbligatorio
Ripristina la tua password
Riceverai un'email per ripristinare la tua password
Salute Neonati
|
19 gennaio 2022

Quando spuntano i denti da latte?

La Dottoressa Gaia Madaschi, Igienista Dentale, ci parla dell’eruzione dei denti da latte: quando spuntano i primi dentini e perché è importante prendersene cura? Continua a leggere l’articolo. 

 

Cari genitori, vi farò tirare un grandissimo sospiro di sollievo, rimuovendo ogni vostra ansia riguardo l’eruzione dei denti da latte.  

Infatti, vi dirò una cosa che vi tranquillizzerà non poco: ogni bambino ha i suoi tempi di eruzione, questo significa che i denti possono arrivare prima o dopo rispetto ad altri bambini.  

L’arrivo precoce o ritardatario dei denti non è sinonimo di problema. L’importante è che una volta spuntati vengano curati a dovere. Nei prossimi paragrafi parleremo di come fare! 

Quanti sono i denti da latte? 

In generale è importante sapere che la dentatura decidua comprende 20 denti: 8 incisivi, 4 canini e 8 molari.  

I denti da latte di mio figlio sono in ritardo? 

Il range temporale nel quale i denti possono spuntare è molto ampio. Per questo è bene non viverlo come un fattore stressante. La cosa importante è controllare che alla fine erompano tutti e 20 i denti.  

Nel dubbio è sempre meglio fare una visita dal dentista. Ad ogni modo è consigliato fare la prima visita a 18 mesi. 

La dentizione da latte si completa in genere dopo 2 anni o 2 anni e mezzo

  • Il primo dente da latte, l’incisivo centrale inferiore, erompe a circa 6 mesi, seguito a stretto giro dagli incisivi superiori 
  • Gli incisivi laterali inferiori arrivano intorno ai 10-16 mesi 
  • I primi molare da latte, superiori e inferiori, erompono verso i 13-19 mesi 
  • I canini, superiori e inferiori, spuntano tra i 16 e i 23 mesi 
  • I secondi molari chiudono il cerchio tra i 23 e i 33 mesi 

È interessante sapere che quando i denti da latte erompono presto, allora anche quelli permanenti arriveranno prima. Al contrario se i denti da latte tardano, tarderanno anche quelli permanenti. 

La salute dei denti da latte è importante quanto quella dei denti permanenti 

Molti genitori tendono a sottovalutare la salute dei denti da latte, perché “tanto poi cadono”.  

Al contrario mantenere in salute i denti decidui è fondamentale per assicurare una buona eruzione e il corretto sviluppo della dentizione permanente. La perdita prematura di un dente da latte può portare ad un affollamento dentale dei denti permanenti. 

È quindi molto importante curare l’igiene dei denti del bimbo non appena spuntano, anzi ancora prima. Vediamo come. 

La pulizia del cavo orale: quando iniziare  

Generalmente si tende sempre ad aspettare l’eruzione del primo dente da latte  per pulirli, in realtà bisognerebbe iniziare da ben prima, da appena nati

Non è necessario diventare matti ogni volta che date la pappa al bambino, l’importante è effettuarlo almeno due  volte al giorno, dopo la  poppata  del  mattino  e  della sera.  

Questo consente di rimuovere i depositi di latte, mantenendo le mucose deterse  e creando da subito un’abitudine positiva nel bimbo. 

Se inizialmente sarà difficile, diventerà poi una consuetudine ben tollerata dal bimbo, così sarà già pronto quando inizieranno a erompere i primi denti da latte e sarà ancora più importante riuscire a pulirli.  

Infatti, più si aspetta più diventa difficile che il bambino non la recepisca come una cosa negativa, soprattutto perché quando spunteranno i dentini i vostri piccoli avvertiranno dolore e sicuramente  e non vorranno farsi toccare la gengiva indolenzita, soprattutto se è un qualcosa di estraneo  che non hanno mai visto. 

Come pulire i denti da latte 

Come vanno spazzolati i denti del tuo bimbo? Bagnate le setole dello spazzolino e applicate un chicco di riso di dentifricio. Cercate di fare dei piccoli cerchi con lo spazzolino, dall’interno all’esterno. Se non riuscite a fare dei cerchi, bastano dei movimenti va e vieni. 

È importante scegliere il dentifricio giusto per la fascia di età a cui appartengono: deve contenere 1000 ppm di fluoro ed è sufficiente utilizzarne pochissimo, sporcando appena le setole. 

Ci saranno momenti in cui il bambino sarà più collaborativo, e altre volte lo sarà di meno. Per questo è importante lavargli i dentini almeno due volte al giorno, perché la volta dopo riuscirete a fare quello che non siete riusciti a fare quella precedente. 

Un trucco per fargli vivere meglio la pulizia dei dentini 

Dividete il momento spazzolamento in due fasi. La prima sarà prettamente un momento ludico: lasciate uno spazzolino in mano al vostro bimbo in modo che possa giocarci. Lo masticheranno o ciucceranno. È per loro un momento di gioco, sperimentazione e anche un ottimo modo per avvicinarli all’indipendenza quando sarà il momento. 

Usate uno spazzolino apposito, in modo da non preoccuparvi se le setole si rovinano. 

A questo punto passate alla fase due: quella in cui gli spazzolerete i denti. 

 

Osservare una corretta igiene dei dentini da latte vi aiuterà ad evitare eventuali carie. Qualora insorgessero, rivolgetevi subito al vostro dentista perché vanno curate anche nei denti da latte, non importa se poi cadranno. È bene intervenire quanto prima per cercare di evitare che il bambino arrivi a provare dolore.  

Non preoccupatevi, vedrete che pulendo bene i denti, non avrete problemi di carie. 

 

Dott.ssa Gaia Madaschi, Igienista Dentale 

La Dott.ssa Gaia Madaschi è un’igienista dentale di Bergamo. Laureata all’Università degli Studi di Milano nel 2013 in “Igiene Dentale” si è poi specializzata con un Master Universitario di I livello presso l’Università degli Studi di Brescia in “Igiene dentale 3.0: l’esperienza incontra la tecnologia”. Profilo Instagram: @gaiamadaschi.igienista.bergamo.