Bambino

I migliori giochi per lo sviluppo cognitivo dei bambini

Giocare non è solo divertimento, ma anche il modo migliore per imparare! Ci sono giochi simpatici che più di altri potenziano lo sviluppo cognitivo del bambino, a seconda della sua età. Continua a leggere!

I migliori giochi per lo sviluppo cognitivo dei bambini

Giocare non è solo divertimento, ma anche il modo migliore per imparare! Ci sono giochi simpatici che più di altri potenziano lo sviluppo cognitivo del bambino, a seconda della sua età. Continua a leggere!

Icona articoli - Koala Babycare

Lo sviluppo cognitivo del bambino è il modo in cui il bambino apprende grazie a ciò che succede intorno a lui. Le interazioni con gli adulti e gli stimoli che riceve dall’ambiente fanno sì che sviluppi il linguaggio, il ragionamento e la creatività. 

 

Uno dei metodi più efficaci per stimolare l’apprendimento cognitivo nei bambini è attraverso il gioco. Oltre a divertirsi, i bambini giocando imparano a risolvere i problemi, a elaborare soluzioni efficaci, a stimolare la loro fantasia. 

 

Quali sono i giochi migliori per lo sviluppo cognitivo, a seconda dell’età del bambino? Ne parliamo insieme nei prossimi paragrafi. 

Che cos’è lo sviluppo cognitivo?

Lo sviluppo cognitivo è lo studio dello sviluppo mentale del bambino dal punto di vista dei processi dell’apprendimento: l’elaborazione delle informazioni, l’assimilazione dei concetti, l’abilità di percezione, l’apprendimento linguistico.

Perché giocare stimola lo sviluppo cognitivo

“Il cervello del bambino è progettato per imparare giocando. Quando giochiamo con un bambino, lui entra in modalità apprendimento: tutti i suoi sensi sono focalizzati sull’attività. Attraverso l’attività ludica il bambino è capace di pensare e di agire con intelligenza e maturità superiori a quelle tipiche della sua età perché il gioco espande la mente come nessun’altra attività è in grado di fare.“

Alvaro Bilbao, Il cervello dei bambini spiegato ai genitori.

 

I bambini amano giocare, soprattutto quando giocano insieme ai loro genitori. Giocare non è solo divertente, ma li aiuta a crescere e a sviluppare la loro intelligenza: apprendono la coordinazione motoria, tra cui la motricità fine, la creatività, il ragionamento, i costrutti logici.

 

I migliori giochi che stimolano lo sviluppo cognitivo del bambino sono quelli attivi, che richiedono cioè che il piccolo sia protagonista dell’azione e che usi tutte le sue capacità intellettive per vivere a pieno il momento.

 

Di seguito alcuni giochi che stimolano le abilità cognitive del bambino, a seconda della sua età.

Giochi di potenziamento cognitivo a 3-4 mesi di vita

Intorno al terzo – quarto mese di vita il bambino comincia la sua esplorazione del mondo, di se stesso e degli oggetti che lo circondano.

Quali sono i giochi che possono aiutarlo nella sua scoperta?

Il tappeto

È il momento giusto per posizionarlo su un tappetone da gioco in modo che possa iniziare a muoversi e ad esplorare lo spazio al di fuori della mamma e della sua culla.

 

Esistono tappetoni realizzati con materiali di diversa consistenza e colore che possono stimolare le sue capacità tattili e sensoriali.

Seguire un oggetto con lo sguardo

Prendi un giocattolo che possa attirare la sua attenzione, come un sonaglio, e muovilo davanti a lui in alto in basso e a destra e sinistra. Seguire un oggetto con gli occhi e con le manine sviluppa le sue capacità visive e motorie.

La bicicletta mani contro piedini

Un altro semplice gioco per stimolare le capacità motorie del bambino è quello di appoggiare i palmi delle mani sotto piedini del bambino, che per contro li allungherà in avanti spingendo.

Giochi di stimolazione cognitiva a 5-6 mesi

In questo periodo il bambino riesce ad emettere con efficacia diversi suoni. Non si accontenta di osservare gli oggetti, ma li vuole afferrare, esaminare, lanciare. E mettere in bocca. Infatti per molto tempo il principale mezzo di esplorazione degli oggetti è la bocca.

 

Alla luce di questo, di seguito ti indichiamo alcuni giochi utili a stimolarlo in questa sua fase della crescita.

La gioia di afferrare gli oggetti da solo

Posa vicino a lui degli oggetti in modo che li afferri da solo, senza il tuo aiuto. Sarà felicissimo della buona riuscita del suo sforzo!

Aiutalo a girarsi

In questo periodo il bambino comincia a imparare a girarsi da solo. Per aiutarlo, puoi utilizzare questo escamotage: stendi una trapunta sul suo tappetone, sdraiaci sopra il bambino e sollevala delicatamente per aiutarlo a girarsi dalla pancia alla schiena e viceversa.

Imita i suoi versi

Per aiutare il tuo bimbo a padroneggiare bene i suoni, reagisci con gioia ai suoi “dada” in modo da creare un rinforzo che gli dia la volontà di continuare a tentare e progredire. Pronuncia dei suoni semplici che possa imitare.

Giochi cognitivi per bambini di 18-24 mesi

Questo è il momento di soddisfare la sua curiosità: descrivi, spiega e racconta ogni cosa che vede e che gli succede. È importante dargli la possibilità di capire che cosa stanno osservando.

 

Vale anche per i rumori: ogni volta che senti un rumore che per lui può essere nuovo, spiegagli da che cosa dipende, in modo che possa imparare ad associare rumore e fonte.

 

I bambini in questa fase hanno un forte desiderio di conoscere e devono essere messi di fronte alle prime scelte. Spronalo a prendere piccole decisioni: la scelta della merenda o delle scarpine.

 

È molto importante non decidere sempre per lui, se vogliamo che diventi un bambino autonomo e dalla mente attiva.

Canzoni e filastrocche

Recitagli alcune filastrocche per bambini e cantagli delle canzoncine. Il bambino cercherà di seguirti e imitarti. In questo modo allenerà la memoria e apprenderà nuove parole.

Giochi ad incastro

I giochi ad incastro stimolano il bambino a conoscere le forme e a trovare la giusta soluzione ai problemi.

 

Ce ne sono tantissimi in commercio: anelli impilabili, cubi in cui inserire stelline, quadrati e cuori nei rispettivi spazi, dadi di diverse misure da impilare e accostare tra loro… I bambini possono trascorrerci ore a incastrare tutte le forme e poi ricominciare.

Imparare a contare

Per imparare a contare è meglio farlo con il numero degli oggetti, come per esempio dei giochi, piuttosto che le dita della mano. Aiuta il bambino a capire il valore della quantità, non solamente a conoscere un numero astratto.

Giochi di potenziamento cognitivo tra i 3 e i 6 anni

Quando i bambini si avvicinano all’età prescolare il loro modo di giocare diventa più complesso, perché acquisiscono delle competenze linguistiche e cognitive specifiche.  

 

La loro capacità di concentrazione è ancora limitata, quindi i giochi sono sempre brevi, altrimenti si annoiano. In questa fase è importante cercare di aiutarli a sviluppare la memoria, la creatività e l’autonomia, facendo sì che prendano decisioni sempre più complesse. 

Puzzle e costruzioni

I puzzle e i giochi di costruzioni abituano il bambino a gestire lo spazio e a trovare la soluzione a un problema 

 

Nel caso del puzzle si tratta di un problema convergente, per il quale esiste una sola soluzione. Le costruzioni, invece, sviluppano le capacità di risolvere problemi divergenti, in quanto sono possibili diverse soluzioni. 

Fiabe per bambini

La lettura quotidiana con i nostri bambini è molto importante per il loro sviluppo cognitivo. Esistono tantissimi libri specifici a seconda dell’età pieni di immagini da commentare insieme.

Le fiabe li aiutano ad apprendere concetti e valori che gli saranno utili in futuro e stimolano la loro fantasia.

Imparare le lettere dell’alfabeto

Ci sono tantissimi metodi per fargli imparare le lettere dell’alfabeto prima che cominci la scuola: filastrocche, canzoncine, puzzle dedicati.

Un gioco divertente è quello di dire ad alta voce il suono della lettera, il bambino dovrà indicarla sul foglio. Sarà una sorta di “caccia al tesoro” della lettera dell’alfabeto corrispondente.

I bambini apprendono e sviluppano le loro capacità cognitive attraverso il gioco. Lo fanno procedendo per tentativi ed errori. A volte, proprio come succede a noi, di fronte alle difficoltà gettano la spugna o si sentono frustrati.  Il supporto del genitore è fondamentale per incoraggiarli a riprovare. 

 

Le informazioni contenute nel Sito sono di carattere puramente informativo e in nessun caso sostituiscono la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento da parte di un medico. Raccomandiamo di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti.  

La tua prossima lettura