Il medico risponde

Coliche del neonato: falsi miti sull’alimentazione della mamma

Il medico risponde è la rubrica di Koala Babycare per informare, rispondere e aiutare tutte le mamme. Ogni mese medici, professionisti e esperti del settore faranno chiarezza con parole semplici ma professionali su temi riguardanti la prima infanzia e il mondo della maternità.

Coliche del neonato: falsi miti sull’alimentazione della mamma

Il medico risponde è la rubrica di Koala Babycare per informare, rispondere e aiutare tutte le mamme. Ogni mese medici, professionisti e esperti del settore faranno chiarezza con parole semplici ma professionali su temi riguardanti la prima infanzia e il mondo della maternità.

il medico risponde - Koala Babycare

La maggior parte dei bambini soffre di coliche gassose durante le prime settimane di vita. L’intestino del neonato è ancora immaturo e può riempirsi di aria (come accade a volte anche a noi adulti).  

 

Ce ne accorgiamo quando il bambino piange energicamente e a lungo senza altro motivo apparente. 

Spesso, però, si attribuisce alle coliche gassose qualsiasi episodio di pianto, che è invece naturalissimo per il bambino.  

 

Come distinguere le coliche gassose da un normale pianto? 

La Dottoressa Lara Lanuzza, Biologa Nutrizionista, ce ne parla in questo video articolo.  

Coliche del neonato: falsi miti sull’alimentazione

Che cosa sono le coliche gassose del neonato?

Nelle prime settimane di vita i bambini presentano spesso episodi di pianto incontrollato che viene attribuito alle coliche gassose.  

 

In realtà, un bambino così piccolo può piangere per mille motivi diversi. Non è escluso che il dolore che può avvertire al pancino sia causato proprio dal pianto stesso, perché i bambini piangono con tutto il corpo. 

Nello sforzo di spingere fuori con tutta forza la loro voce, chiudono i pugni, richiudono le gambe sull’addome, contraggono i muscoli addominali, spingono, e spingendo emettono aria. 

 

Per questo motivo per individuare le vere e proprie coliche del lattante si utilizza come riferimento la regola del tre di Wessel: si tratta di coliche gassose quando un neonato in buona salute presenta attacchi di pianto inconsolabile che durano per più di 3 ore al giorno, per più di 3 giorni alla settimana e per almeno 3 settimane consecutive. 

 

Normalmente le coliche gassose tendono a scomparire dopo il quarto mese. 

Sintomi delle Coliche Gassose

Le coliche gassose sono uno dei disturbi più frequenti nei primi tre mesi di vita del bambino. Si presentano solitamente nelle ore pomeridiane e serali con questi sintomi: 

 

  • pianto improvviso 
  • irritabilità 
  • arrossamento del volto 
  • il bimbo tende a flettere gli arti inferiori verso l’addome 
  • molto spesso è presente meteorismo. 

 

Per riconoscerle correttamente senza scambiarle con il comune pianto dei bambini, si deve fare riferimento a questi sintomi e alla Regola del Tre di Wessel: si può parlare di coliche gassose se il bimbo piange per più di tre ore al giorno, per più di tre giorni a settimana, per più di tre settimane. 

C’è una correlazione tra alimentazione e coliche del neonato? 

Spesso si sente dire che una delle possibili cause dell’insorgenza delle coliche è il latte materno o quello in formula. In realtà, la correlazione tra alimentazione e coliche del neonato è un falso mito, come dimostrato dalle ricerche scientifiche. 

Le Coliche nel bambino allattato al seno 

Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che non c’è alcuna correlazione tra l’insorgenza delle coliche del neonato e l’alimentazione della mamma 

 

Se il bimbo è allattato al seno, quindi, la mamma non dovrà eliminare dalla dieta alimenti comunemente indicati come responsabili delle coliche gassose, quali broccoli, broccoletti, cavolfiori, legumi o aglio. 

 

Questi cibi sono eventualmente responsabili di meteorismo nell’intestino della mamma, ma non provocano nessun tipo di sintomatologia nel bimbo. 

 

Cambiano il sapore del latte materno?  

Si, è vero.  

Si tratta, però, di un fattore di preparazione naturale: abitua il bimbo a tutti i sapori per avvicinarlo e prepararlo allo svezzamento. 

Coliche gassose e latte in formula 

La correlazione tra latte in formula e l’insorgenza di coliche non dipende dalla tipologia del latte ma dal biberon stesso.  

 

Infatti, l’alimentazione tramite il biberon prevede un flusso continuo di liquido che può portare a incamerare troppa aria durante la suzione. È questo, quindi, che può provocare l’insorgenza di gas intestinali e di conseguenza coliche gassose. 

Rimedi per le Coliche Gassose 

Il migliore rimedio contro le coliche gassose sono le coccole rassicuranti di mamma e papà. 

 

Piano piano si impara a conoscere il proprio bambino e si trovano delle soluzioni che possono calmarlo: coccolarlo, nutrirlo, stare in braccio, un giretto in auto… 

 

Le coliche si presentano soprattutto la sera, quando, per sfortuna, anche mamma e papà sono stanchi ed è più difficile per loro non preoccuparsi e non avvertire un certo panico per il pianto inconsolabile del bimbo. 

 

Invece è proprio questa la cosa più importante: non farsi prendere dall’ansia e trasmettere serenità e sicurezza al bambino. 

 

Ci sono alcuni rimedi che possono aiutarti a calmare il tuo bimbo: 

 

  • Un giro in auto 
  • Massaggiargli dolcemente il pancino 
  • Cullarlo dolcemente 
  • Canticchiare una canzone 
  • Rendere l’ambiente intorno tranquillo, con luci basse e soffuse e pochi rumori. 

 

Le coliche sono una condizione fisiologica normale che presentano tutti i bimbi, che dipendono da un’immaturità iniziale dell’intestino. Per questo non vanno vissute con una preoccupazione eccessiva. 

 

Nella maggior parte dei casi si risolvono spontaneamente intorno al quarto o sesto mese di vita, senza alcun bisogno di impazzire con restrizioni nella dieta della mamma. 

Non perderti il prossimo appuntamento con i nostri esperti! 

Ogni mese pubblicheremo una video intervista e una diretta social, iscriviti alla nostra Community compilando il form nella home del nostro sito per rimanere sempre aggiornata!

La tua prossima lettura