Il medico risponde

Il medico risponde: attività fisica, sedentarietà e sonno nei bambini da 0 a 5 anni

Quanta attività fisica dovrebbe fare un bambino sotto i 5 anni? E quanto tempo deve dormire per il benessere del suo sviluppo psico-fisico? Può un bambino essere troppo sedentario? A queste ed altre domande risponderà per noi il Dott. Matteo Silva, che ci aiuterà a capire che cosa dicono le linee guida dell’OMS in merito ad attività fisica, sedentarietà e sonno.

Il medico risponde è la rubrica di Koala Babycare per informare, rispondere e aiutare tutte le mamme. Ogni mese medici, professionisti e esperti del settore faranno chiarezza con parole semplici ma professionali su temi riguardanti la prima infanzia e il mondo della maternità.

Il primo appuntamento della nostra nuova rubrica è con il Dott. Matteo Silva, Osteopata pediatrico presso Yule – Centro Materno, Infantile e Pediatrico di Carate Brianza (MB), in cui farà chiarezza sulle linee guida dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) riguardo attività fisica, comportamento sedentario e sonno nei bambini da 0 a 5 anni.

Sarà successo anche voi di arrivare stremate a sera e pensare “Oggi il mio bambino non si è fermato un attimo!”…ecco, sappiate che i nostri bambini hanno un enorme bisogno di muoversi, fare attività fisica e scaricare le proprie energie e farlo in maniera adeguata li porterà ad essere degli adulti sani e attivi allontanando in certi casi il presentarsi nel corso della vita di diverse patologie, tra cui l’obesità.

Ma lasciamo che sia il Dott. Silva a spiegare passo passo che cosa dice l’OMS a riguardo…

Il medico risponde: attività fisica, sedentarietà e sonno nei bambini da 0 a 5 anni

Che cosa leggiamo nelle linee guida dell’OMS per l’attività fisica, il comportamento sedentario e il sonno nei bambini sotto i 5 anni di vita?

Iniziando a leggere il documento si può subito notare come “Physical inactivity has been identified as a leading risk factor for global mortality”: quindi l’inattività fisica è stato riscontrato essere uno dei fattori di rischio per la mortalità globale, ma non solo, anche uno dei fattori contributivi dell’aumento del sovrappeso e dell’obesità.

Nel 2010 l’OMS (l’organizzazione mondiale della sanità) aveva pubblicato delle raccomandazioni globali riguardo l’attività fisica per la salute, con dettagliati interventi di prevenzione primaria di tutte le malattie croniche che ne possono derivare. Le stime del 2012, quindi relativamente recenti, dicono come non fare sufficiente attività fisica sia la causa di 5 milioni di morti a livello globale, sono tantissime!

Nonostante si sappia che il 23% degli adulti e l’80% degli adolescenti non facciano sufficiente attività fisica, non c’erano ancora dei dati validi per la fascia di età che va da 0 a 5 anni e come abbiamo detto, l’obiettivo di questo documento era proprio andare a colmare questo gap.

Passiamo ora all’executive summary, in questa pagina riscontriamo come queste linee guida facciano in realtà parte di un progetto più ampio. Questo progetto più ampio è il “Nurturing care for early childhood development framework”, questo bellissimo documento sempre dell’OMS si legge un quadro di riferimento per salvaguardare la salute di bambini e bambine, per promuoverne la loro crescita e il loro sviluppo, ma anche per trasformare il futuro accrescendo il loro potenziale umano che sarà sicuramente un argomento di cui parleremo in uno dei prossimi video! 

Inoltre, qual è il razionale che sta dietro queste bellissime linee guida?

Si va a leggere come migliorare l’attività fisica, la sedentarietà e il sonno dei bambini contribuirà alla loro salute fisica, ridurrà loro il rischio di sviluppare obesità in adolescenza e di malattie croniche in età adulta, migliorerà la loro salute mentale e il loro benessere.

L’attività fisica nei bambini sotto ai 5 anni è favorevolmente associata a tutti fattori di salute come la salute dello scheletro e ossea, la salute cardio-metabolica, lo sviluppo delle abilità motorie e cognitive. Tutte queste cose sono strettamente bibliografate, ovvero scientificamente provate e potete trovare tutta la bibliografia a fine del documento.

Nei bambini sotto i 5 anni di vita, quale dose intesa come durata, frequenza, tipi e intensità di attività fisica sono associati a indici di salute favorevoli?

Una review sistematica del 2017 ha valutato 908 full text articles identificato 96 studi da 36 paesi con 71.291 partecipanti dai quali si evince come l’attività fisica, come abbiamo già visto, era associata a un miglioramento dello sviluppo motorio,cognitivo, psico sociale e cardio metabolico e con uno sviluppo motorio di salute ossea e scheletrica.

Andiamo ancora quindi sempre più nel preciso e leggiamo come dovremmo comportarci con gli infanti, inteso come bambini di meno di un anno (quindi 0-1 anno), i bambini di 1 e 2 anni di vita e i bambini di 3 e 4 anni di vita. Queste sono le tre fasce in cui sono stati suddivisi.

  • Fascia 0-1 anno: Un infante dovrebbe essere attivo fisicamente diverse volte al giorno in vari modi. I minuti dedicati al movimento dovrebbero essere almeno 30 al giorno e i neonati non dovrebbero in alcun modo interagire con degli schermi (computer-tablet-smartphone).
  • Fascia 1-2 anni: I bambini di 1-2 anni di vita dovrebbero spendere almeno 180 minuti in diverse attività fisiche di ogni tipo di intensità che può essere da moderata a vigorosa durante tutta la giornata, more is better: quindi più è, meglio è!
  • Fascia 3-4 anni: Per quanto riguarda invece i bambini di 3 e 4 anni dovrebbero fare almeno 180 minuti di attività fisica durante la giornata, passando almeno 60 minuti facendo attività di intensità da moderata a vigorosa. E il tempo passato davanti ad uno schermo non deve assolutamente superare i 60 minuti all’interno della giornata.

Qual è la durata del sonno più idonea per bambini sotto i 5 anni?

Basandosi sempre su 133 full text articles e 69 studi di 23 paesi con 148.524 partecipanti, è emerso che a una durata del sonno più breve rispetto a quello che dovrebbe essere secondo le linee guida, è stata associata con una maggior quantità di adipe, con una regolazione emozionale peggiore, con una crescita relativamente danneggiata e compromessa, con più tempo davanti allo schermo e con un maggior rischio di infortuni.

La durata del sonno delle tre fasce sopra indicate sono i seguenti:

  • Fascia 0-1 anno: da 14 a 17 ore nei primi tre mesi, da 12 a 16 nei mesi successivi.
  • Fascia 1-2 anni: da 11 a 14 ore
  • Fascia 3-4 anni: da 10 a 13 ore

[Matteo Silva, Osteopata Pediatrico]

Non perderti il prossimo appuntamento con i nostri esperti! 

Ogni mese pubblicheremo una video intervista e una diretta social, iscriviti alla nostra Community compilando il form nella home del nostro sito per rimanere sempre aggiornata!