Mamme di successo

I segreti delle mamme di successo: intervista a Vatinee Suvimol, avvocato, mamma e blogger

Questa nuova rubrica si apre con l’intervista a Vatinee Suvimol, mamma, avvocato, food blogger e fotografa che ci ha aperto le porte di casa sua e ci ha raccontato in che modo riesce a seguire tutti i suoi progetti lavorativi e essere allo stesso tempo presente per la propria famiglia.

Le mamme scelte da Koala Babycare non sono Wonder Woman, sono mamme normali che affrontano la vita di tutti i giorni e si impegnano al massimo per essere donne e mamme realizzate e felici sia nel lavoro che in famiglia.

Benvenuti al primo appuntamento della nuova rubrica di Koala Babycare, “Mamme di successo”.

Ma che cos’è una Mamma di successo? È una donna che nonostante la famiglia, non ha rinunciato ai propri sogni e ai propri interessi. Tutte possiamo essere mamme di successo, anche se la nostra carriera non è una carriera da film, ma semplicemente amiamo il nostro lavoro e portiamo avanti dei progetti che rendono la nostra vita piena e soddisfacente.

Questa nuova rubrica si apre con l’intervista a Vatinee Suvimol, mamma, avvocato, food blogger e fotografa che ci ha aperto le porte di casa sua e ci ha raccontato in che modo riesce a seguire tutti i suoi progetti lavorativi e essere allo stesso tempo presente per la propria famiglia.

Mamme di successo: intervista a Vatinee Suvimol, avvocato, mamma e blogger – Koala Babycare

Ciao mamme! Vogliamo presentarvi queste mamme che non sono solo mamme ma anche della grandissime professioniste in carriera con sempre un occhio di riguardo verso la propria famiglia. Noi siamo qua per scoprire un po’ tutti i loro segreti, ovvero “Ma come fate?” io personalmente faccio fatica con un figlio non so voi!

Lei è avvocato, food blogger, influencer, tantissimi progetti all’attivo e adesso scopriamo un po’ di più su di lei su chi è e su quale è stato il suo percorso!

Buongiorno a tutti, io sono Vatinee Suvimol, per tutti Vaty da quando ho aperto il blog nel 2010 che avevo già questo nickname che mi ha reso poi facile quello che ora chiamiamo personal branding. Io sono thailandese di nascita ma sono praticamente cresciuta in Italia, mi sento più italiana che thailandese, sono sposata con un bergamasco che si chiama Giuliano e vivo a Bergamo da circa 18 anni.

Da piccola sognavo un cognome italiano per potermi sentire come le mie sorelle, ora che sono avvocato e sono il primo e unico avvocato thailandese in Italia, non sento più il bisogno di quel cognome perché ormai mi sono riscattata talmente tanto, mi sono affermata e sono soddisfatta del percorso che ho fatto che mi sta bene il mio cognome perché non mi fa sentire inferiore.

Credo che ormai sia anche motivo di orgoglio per te. Lei oltre essere avvocato è anche food blogger e vi assicuro che se andate un attimo sulla sua pagina Instagram capirete, mi raccomando non andateci se siete a dieta, assolutamente! Potete vedere tutte le ricette che prepara e spesso si vede questa influenza della cucina thailandese, sono infatti ricette ricercate che vogliono unire la ricetta italiana con quella thailandese per cercare di fare un piatto unico sia nei colori che nei sapori.

Si esatto, diciamo che la cucina thailandese mi è mancata così tanto in questi anni che ho vissuto in Italia che spesso ho riprodotto io molti piatti, anche solo con ingredienti italiani perché non è facile riprodurre gli stessi piatti, anche per un discorso climatico, certe verdure non esistono, la carne è diversa, però in qualche modo sono riuscita a reinterpretare la cucina thailandese alla luce degli ingredienti reperibili qua in Italia. Poi ho iniziato a condividere questa cosa con il web e piano piano sono diventata conosciuta per le mie ricette fusion e asiatiche.

La tua bambina, Sophie, ti ha dato ispirazione per creare delle ricette in più? Perché spesso vedo, anche con altre food blogger, che condividono molto con i bambini, perché spesso i bambini sono punto di ispirazione e partenza anche per la creatività.

Certamente, per me infatti il cibo unisce e unisce soprattutto i rapporti più importanti, come un legame madre e figlia, spesso quando sono stanca o non ho voglia di cucinare è mia figlia che magari il sabato pomeriggio mi dice “Facciamo una torta insieme? Usiamo uno stampo nuovo?”

Una frase che mi ha colpito recentemente è che i bambini devono essere i benvenuti sul luogo di lavoro della mamma perché non bisogna escluderli dalla vita professionale ma bisogna trovare quel giusto modo per poterli sempre coinvolgere cercando di bilanciare al massimo la vita professionale e quella da mamma, anche se ovviamente deve essere abbastanza difficile, vero?

Eh si, non è per niente facile. Ovviamente è più facile per le libere professioniste un po’ come noi o comunque chi ha una società, un’impresa, un’azienda e che ha un potere gestionale sul proprio lavoro. Però questo è un elemento importante, perché io ho sempre pensato che una mamma felice è una professionista e lavoratrice soddisfatta, viceversa una lavoratrice soddisfatta è una mamma felice. Non bisognerebbe mai mettere una donna nella condizione di dover scegliere tra dedicarsi ai figli oppure dedicarsi al lavoro perché è proprio in quei momenti che veniamo invasi dai sensi di colpa, che sono tipici proprio delle donne. È bello, soprattutto nei primi due tre anni del bambino poter coniugare senza rinunciare a nulla.

La piccola Sophie come ha vissuto tutti questi progetti? Perché comunque tu sei stata sempre una mamma molto impegnata, cercando sempre di essere presente e seguirla sempre nella sua fase di crescita. Come ha vissuto vedendo una mamma libera professionista che quindi non è in ufficio dal lunedi al venerdi, che quindi è diversa dalla mamma che potevano avere alcune sue amiche.

Per lei è stato sempre uno stimolo incredibile. Lei mi ha visto fare tre quattro libri quando al tempo fotografavo per i libri, come food photographer e food stilyst, mi ha visto fare il mio libro, quindi ogni tanto quando stavo scrivendo la mia autobiografia e scrivevo i miei ricordi d’infanzia leggendoli ad alta voce a mio marito lei mi ascoltava facendomi molte domande sulla mia storia, la mia famiglia e la mia infanzia. Per lei è stata una crescita piena di stimola anche grazie alle opportunità che abbiamo avuto di viaggiare tantissimo, adesso viaggio un po’ di meno con il neonato, però al tempo eravamo in pochi food blogger e ogni weekend avevo un invito o anche una sagra, un evento, un festival e come adesso non ho mai rinunciato alla bambina quindi mi portavo tutta la famiglia.

Son sempre stata convinta che avere il privilegio di poter viaggiare fin da bambini ti arricchisce tantissimo!

Che consiglio vogliamo dare alle mamme che hanno questa paura di dover scegliere tra il lavoro e la famiglia, ovviamente al momento stiamo parlando di libere professioniste perché ovviamente chi è libero professionista è molto diverso da chi è lavoratore dipendente perché ha un po’ questa fortuna se vuole di poter plasmare la sua vita lavorativa secondo i bisogni della famiglia. Quindi che consigli dai a quei liberi professionisti che hanno questa paura di non potercela fare a unire e far convivere le due cose.

Il mio consiglio è quello di non rinunciare a niente e quindi di non trovarsi a quel bivio del dover dire “Ora scelgo o uno o l’altro!” perché non è necessario scegliere, ma c’è un modo per poter coniugare. Per coniugare tutto, ovviamente non siamo donne perfette, quindi dobbiamo riconoscere i nostri limiti, quindi facciamoci anche aiutare, io per esempio non rinuncio proprio agli aiuti, quando posso mi avvalgo di una tata, di un’amica, della sorella.

Il consiglio che mi sento di dare è quello di sentirsi soddisfatti di scegliere quello che più ci piace fare e di non sentirci assolutamente in difetto se non siamo in grado di arrivare dappertutto e anzi di chiedere aiuto, di alzare la mano che è una delle cose più difficili.

Mamme, è stato veramente un piacere fare questa chiacchierata con Vaty, e speriamo di avervi dato innanzitutto qualche spunto per poter affrontare meglio la vostra scelta dopo aver partorito, dopo aver messo al mondo questa bellissima nuova vita. Ci vediamo al prossimo appuntamento!

Per rimanere sempre aggiornata su tutti gli articoli e consigli di Koala Babycare, iscriviti alla nostra Community compilando il form nella home del nostro sito!